Non si sa come andrà a finire. (1)

Non si sa bene come andrà a finire, ma inizio a raccontarvi questa storia.

Mi ricordo di una ragazza, in realtà una ragazza immaginaria, che vive in un libro, in una storia bella e triste. L’ho persa di vista per parecchio tempo, sapete? Ma questa sera, leggendo di qua e di là racconti vari, mi è tornata alla memoria. Perché allora non raccontarvi la sua storia? Userò il presente, ma non vi lascio la certezza che sia ancora viva nella storia nella quale è vissuta, questo lo deciderete voi.

Si chiama Maria, una belle signorina di poco più di vent’anni. Una tipetta strana e iperattiva, da far venire il mal di testa a chi la incontra alle nove del mattino. Giuro, è una ragazza che mai sta ferma, anche quando è stanca, ammalata, ha qualche pensiero per la testa, gira come una trottola travolgendo tutto quello che incontra: un turbinio di mille colori che affascina, o tramortisce, l’ingenuo spettatore.

Vive con i suoi genitori, si sente ancora troppo piccola per tentare di spiccare il volo e ancora manca il lavoro sicuro che le dia sostentamento e un pasto certo per giornata. Ha una grande passione, la lettura. Spesso vive più nei libri che legge che nella vita reale, per questo chi la incontra a volte può lasciarsi sfuggire un “ha sempre la testa fra le nuvole”, “sembra abiti con i sette nani”. Ingenua, penseranno alcuni, ma questa sua spensieratezza è la sua forza: ciò che la vita reale le nega lei lo trova nelle storie inventate dalle grandi penne, è ciò che le permette di avere tutta l’energia che sprizza anche con un solo sorriso.

Molti potranno pensare che è facile innamorarsi di una ragazza così, purtroppo, però, non è così. Nonostante sia nel periodo più fervido per gli amori facili, gli innamoramenti su due piedi, il “poco trucco e sono bella lo stesso”, vive sola – metaforicamente, sia chiaro. Nessuno si è mai innamorato di lei, e nemmeno lei si è mai innamorata di qualcuno. Potrebbe essere un motivo sufficiente per rattristarsi? No, per lei no. Ricordiamoci: vive più nelle storie che legge che nella vita reale. Da quando è piccola, dalle prime fiabe di principi e principesse, ha creduto fermamente nel “vero amore”. Sì, il vero amore arriverà, lei lo sa.

Sarà proprio questa storia che andrò a raccontarvi, ma, vi avviso, è difficile che il vero amore corrisponda a quello romantico e strappalacrime che si può leggere in un bel libro, od osservare in un bel film.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...